Finanza Agevolata

Ottima Formazione affianca le imprese nello sviluppo aziendale e strategico attraverso l’utilizzo di risorse economiche e finanziarie pubbliche.

Il servizio prevede un’ analisi di tutte le opportunità di contribuzione e agevolazioni di interesse per l’azienda a livello provinciale, regionale e nazionale. La consulenza comprende la gestione dei rapporti con gli Enti Pubblici, il monitoraggio del progetto nella sua esecuzione e la rendicontazione descrittiva e finanziaria dell’iniziativa.

VIDEO – Caratteristiche principali piano Industria 4.0 e Impresa 4.0

Opportunità in corso

Il Credito d’imposta serve a stimolare gli investimenti in R&S per garantire la competitività delle imprese ed è applicabile per le spese sostenute nel periodo 2015- 2020 relativamente allo sviluppo di prodotto, servizio o processo.

I beneficiari sono micro, piccole e medie imprese delle province di Forlì-Cesena e Rimini.
Il contributo concedibile non potrà superare il 50% delle spese ammesse, sia per fiere in presenza che fiere virtuali (al netto di IVA) fino ad un massimo di:

  • 1.500,00 € per partecipazioni in presenza a fiere in Italia, Repubblica di San Marino e Unione Europea;
  • 3.000,00 € per partecipazioni in presenza a fiere extra Unione Europea;
  • 1.500,00 € per partecipazioni a fiere virtuali;

Le domande devono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, dalle ore 9.00 del 25.01.2021 alle ore 21.00 del 26.03.2021, salvo chiusura anticipata del bando per esaurimento dei fondi disponibili.

Se sei titolare di un bar o un ristorante e hai avuto un calo di fatturato almeno del 20% tra il 1 novembre ed il 31 dicembre 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno prima puoi ottenere dalla Regione Emilia – Romagna un contributo a fondo perduto di massimo 3.000 euro erogato dalla Camera di Commercio. Puoi presentare la domanda di contributo per via telematica dal 20 gennaio al 17 febbraio 2021.

Contributi a fondo perduto per la formazione professionale nel settore degli autotrasporti – Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

I soggetti beneficiari del bando sono le imprese di autotrasporto merci appartenenti al contratto collettivo nazionale logistica, trasporto e spedizioni che partecipano ad iniziative di formazione o aggiornamento professionale volte all’acquisizione di competenze adeguate alla gestione d’impresa, alle nuove tecnologie, allo sviluppo della competitività ed all’innalzamento del livello di sicurezza stradale e di sicurezza sul lavoro.

Le spese ammissibili riguardano l’attività didattica e nello specifico: personale docente, tutor, spese di trasferta, materiali e forniture con attinenza al progetto, ammortamento degli strumenti e delle attrezzature ad uso esclusivo del progetto e costo dei servizi di consulenza che dovranno essere pari o superiori al 50 per cento di tutti i costi ammissibili.

Il contributo massimo erogabile per l’attività formativa è fissato secondo le seguenti soglie:

– euro 15.000 per le microimprese (che occupano meno di 10 unità);

– euro 50.000 per le piccole imprese (che occupano meno di 50 unità);

– euro 130.000 per le medie imprese (che occupano meno di 250 unità);

– euro 200.000 per le grandi imprese (che occupano un numero pari o superiore a 250 unità).

Le domande per accedere ai contributi devono essere presentate, a partire dal 15 febbraio 2021 ed entro il termine perentorio del 19 marzo 2021, in via telematica, sottoscritte con firma digitale dal rappresentante legale dell’impresa, del consorzio o della cooperativa richiedente.

Fondo per l’intrattenimento digitale – Ministero dello Sviluppo Economico

Il “First Playable Fund” è un Fondo istituito con l’obiettivo di sostenere lo sviluppo dell’industria dell’intrattenimento digitale a livello nazionale, in favore di progetti che intendono realizzare un prototipo di videogioco destinato alla distribuzione commerciale.
Il contributo è a fondo perduto e pari al 50% delle spese sostenute e ammissibili, nel rispetto del limite “de minimis”.

I progetti ammissibili alle agevolazioni devono:
– prevedere, attraverso lo sviluppo delle fasi di concezione e pre-produzione, la realizzazione di un prototipo di videogioco destinato alla distribuzione commerciale;
– essere realizzati presso la propria sede operativa ubicata in Italia, come indicata nella domanda di agevolazione;
– prevedere, ciascuno, la realizzazione di un singolo prototipo;
– prevedere spese e costi ammissibili complessivamente non inferiori a euro 20.000,00;
– essere avviati successivamente alla data di presentazione della domanda di agevolazione;
– essere ultimati entro 18 mesi dalla data del provvedimento di concessione delle agevolazioni.

Sono ammissibili le spese ed i costi relativi a:
– prestazioni lavorative svolte dal personale dell’impresa;
– prestazioni professionali commissionate a liberi professionisti o ad altre imprese;
– attrezzature tecniche di nuova fabbricazione acquistate per la realizzazione del prototipo, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzate per la realizzazione del progetto;
– licenze software acquistate per la realizzazione del progetto, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzate per la realizzazione del progetto.

Le spese ed i costi devono essere sostenuti successivamente alla data di presentazione della domanda.
Procedura valutativa con procedimento a sportello. I termini e le modalità di presentazione saranno definiti con successivo decreto direttoriale da parte del Ministero.

Sostegno in favore dell’industria del tessile, della moda e degli accessori – Ministero dello Sviluppo Economico

La finalità prevista dal “Decreto Rilancio” è quella di sostenere l’industria del tessile, della moda e degli accessori, con particolare riguardo alle start-up che investono nel design e nella creazione, nonché allo scopo di promuovere i giovani talenti del settore del tessile, della moda e degli accessori che valorizzano prodotti made in Italy di alto contenuto artistico e creativo”.
Il contributo a fondo perduto è pari al 50% delle spese sostenute e ammissibili.

Possono fare domanda le imprese di piccola dimensione, non quotate, che non abbiano rilevato l’attività da altra impresa o non siano state costituite in seguito a fusione. Alla data di presentazione devono:
– risultare iscritte e attive nel Registro delle imprese da non più di 5 anni;
– essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sono in liquidazione volontaria e non sono sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatorie;
– essere in regola con gli obblighi contributivi;
– non avere ancora distribuito utili.

I soggetti devono svolgere almeno una attività, risultante dal codice prevalente (codice ATECO), compresa nell’elenco inserito nel Decreto ministeriale 18 dicembre 2020. L’attività deve essere svolta in Italia.
Sono ammissibili i:
– progetti finalizzati alla realizzazione di nuovi elementi di design;
– progetti finalizzati all’introduzione nell’impresa di innovazioni di processo produttivo;
– progetti finalizzati alla realizzazione e all’utilizzo di tessuti innovativi;
– progetti ispirati ai principi dell’economia circolare finalizzati al riciclo di materiali usati o all’utilizzo di tessuti derivanti da fonti rinnovabili;
– progetti finalizzati all’introduzione nell’impresa di innovazioni digitali.

Al fine dell’ammissione all’agevolazione i progetti devono:
– essere realizzati presso la sede ubicata in Italia;
– prevedere spese ammissibili non inferiori a 50.000 euro e non superiori a 200.000 euro;
– essere avviati successivamente alla data di presentazione della domanda;
– essere ultimati entro 18 mesi dalla data del provvedimento di concessione.
Sono ammissibili le spese funzionali alla realizzazione dei progetti:
– acquisto di impianti e macchinari nuovi, comprese le spese di installazione;
– brevetti, programmi informatici e licenza software;
– formazione del personale inerente gli aspetti su cui è incentrato il progetto.
È ammissibile alle agevolazioni un importo a copertura delle esigenze di capitale circolante, nel limite del 20% delle spese complessivamente ritenute ammissibili. Le esigenze di capitale circolante devono essere giustificate nella proposta progettuale.

Procedura valutativa con procedimento a sportello. I termini e le modalità di presentazione saranno definiti con successivo decreto direttoriale da parte del Ministero.

Vantaggi

Costi Agevolabili

Modalità di fruizione

Ottima Formazione si occuperà della ricognizione dei costi sostenuti dall’azienda, presso di essa o lo Studio, inoltre prenderà in gestione la redazione del fascicolo aziendale per l’asseverazione del professionista.

Per maggiori informazioni:

Elide Budini
Responsabile Ottima Formazione Srl
T. 0544 465108 M. elide.budini@ottimaformazione.it
www.ottimaformazione.it